"Le Indagini del Comandante Tenax – Fuoco Amico" | RADIO CAFFÈ CRIMINALE

Tempo di lettura 2 minuti

Il Libro

«Ti ho svegliato?!»
«No, stavo facendo un solitario…» aveva risposto Tenax infastidito dall’ironia del collega.
«Allora vedi di vestirti in fretta e vieni a San Giuseppe».
«Che è successo Giorgio?»
«Hanno ammazzato una guardia giurata durante il servizio di controllo a una fabbrica. L’omicidio si è verificato circa due ore fa».
Inizia così una nuova avventura del Comandante dei Carabinieri Tenax, che lo vede protagonista di un caso decisamente complesso legato a una vendetta interna a una società di guardie giurate. Ancora una volta il fiuto del Comandante condurrà la squadra verso la soluzione del caso, ma fantasmi del passato turberanno la sua mente costringendolo a riflettere sul significato di “certezza della pena” e sul ruolo della Magistratura nel considerare una condanna “equa” rispetto alla colpa commessa e quindi non riducibile da nessuna deroga. La penna dell’Autore, che è stato davvero un Comandante dei carabinieri per oltre 35 anni, ci porta con passione e lucidità all’interno delle indagini e delle numerose sinergie necessarie per affidare alla giustizia i colpevoli, trovando le parole più giuste per dare a tutti i protagonisti il valore che meritano, in un quotidiano eroismo che passa attraverso un lavoro spesso faticoso e poco gratificante.

L’autore

Daniele Venturini, nasce a Tendola di Fosdinovo (MS), nel 1956. A 19 anni si arruola nell’Arma dei Carabinieri. In 35 anni di servizio, ha assunto vari incarichi di Comando. Nella sua lunga carriera di investigatore è stato insignito con varie onorificenze, tra cui: Cavaliere della Repubblica e la Medaglia Mauriziana. Gli sono stati concessi vari encomi per meriti di servizio. Si congeda con il grado di S. Tenente.
È laureato in Storia con indirizzo archeologico medievale presso l’Università di Pisa, con il massimo dei voti. Ha un Perfezionamento in Tecniche della Comunicazione e un Master in Didattica, Divulgazione e Nuovi Media dell’Antichità, conseguiti presso l’Università di Ferrara.

Condividi