Ancora un femminicidio a Roma.

Tempo di lettura < 1 minuto

Agente polizia uccide la collega e si suicida subito dopo

E’ accaduto a Roma in via Rosario Nicolò, nella zona di San Basilio. Massimiliano Carpineti, agente di polizia di stato in servizio presso la Camera dei Deputati, ha ucciso la collega Pierpaola Romano, sparandole due colpi di pistola alla testa. La vittima e il suo assassino, erano entrambi in servizio nella medesima Camera dei Deputati.

Si tratta dell’ennesimo omicidio di una donna. Il delitto è avvenuto verso le10 del mattino di ieri. Per la poliziotta 58enne originaria di Caserta, ma trasferitasi nella Capitale da circa 20 anni, non c’è stata via di fuga ed è morta sul colpo senza poter tentare alcuna reazione.

Pubblicità
Leggi anche  Due donne uccise dai loro mariti a Roma e Salento

Massimo Carpineti, 46 anni originario di Cori, ma residente a Cisterna, in provincia di Latina, è salito a bordo della sua auto, ha percorso poche centinaia di metri, ha rivolto l’arma contro di sé e si è tolto la vita sparandosi un colpo alla testa.

Ad allertare le forze dell’ordine sono stati alcuni vicini di casa che hanno sentito gli spari.

La Romano viveva da anni assieme al marito, anch’egli ispettore di polizia, così come il figlio, attualmente in servizio in Emilia-Romagna. A quanto emerge il delitto sarebbe avvenuto per questioni personali, forse per un loro rapporto sentimentale.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air