Alfonso Diletto: Ergastolo per l’omicidio dell’ex moglie

Tempo di lettura < 1 minuto

Catanzaro, 8 novembre 2023 – Alfonso Diletto, il pensionato di 70 anni che l’8 marzo del 2022 uccise con un colpo di pistola al cuore l’ex moglie, Vincenza Ribecco, di 60 anni, è stato condannato all’ergastolo dalla Corte d’assise di Catanzaro.

La sentenza, emessa dal presidente Massimo Forciniti, ha accolto la richiesta del pubblico ministero, che aveva chiesto la massima pena per Diletto, accusato di omicidio volontario premeditato, detenzione di arma clandestina e ricettazione.

Pubblicità

L’uxoricidio avvenne dopo che Diletto si presentò a casa dell’ex moglie, dove la donna viveva insieme al figlio, come già aveva fatto altre volte dopo la separazione, avvenuta un anno e mezzo prima.

In quell’occasione, Diletto portò con sé una pistola calibro 7,65 con la matricola cancellata, a dimostrazione, secondo l’accusa, della premeditazione dell’assassinio da parte dell’uomo.

Leggi anche  La Spezia, insegue la compagna fino al bus e la accoltella

Quando Diletto suonò al campanello e chiese all’ex moglie di aprirgli, la donna non lo fece entrare e gli intimò di andarsene. L’uomo estrasse la pistola che aveva portato con sé e sparò alla moglie da dietro una porta finestra. La morte della donna fu istantanea.

Nel corso del processo, Diletto ha sempre sostenuto di aver agito in stato di alterazione emotiva, a causa della separazione dalla moglie. Tuttavia, la Corte ha ritenuto che l’uomo avesse premeditato l’omicidio, portando con sé la pistola e scegliendo di colpire la vittima da dietro, in modo da non essere visto.

La sentenza è stata accolta con soddisfazione dai familiari della vittima, che hanno chiesto che la pena venga eseguita senza sconti.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air