L’apocalisse di Gaza

Tempo di lettura 2 minuti

Migliaia di bambini uccisi

Gli alti funzionari delle Nazioni Unite avvertono di una situazione apocalittica nella striscia di Gaza devastata dalla guerra.
Non esiste più un posto sicuro dove la popolazione inerme possa andare. La guerra di Israele con Hamas si estende al sud , dove molti avevano precedentemente cercato rifugio. Martin Griffiths, il massimo funzionario dei soccorsi di emergenza delle Nazioni Unite, in una dichiarazione lunedì ha dichiarato che la situazione è catastrofica“ Ha riferito inoltre che alle persone viene ordinato di spostarsi di nuovo, con poco con cui sopravvivere, costrette a fare scelte impossibili una dopo l’altra.
Israele ha intensificato il bombardamento aereo del sud di Gaza all’inseguimento del gruppo militante palestinese Hamas e nel fine settimana ha dichiarato che espanderà le operazioni di terra all’intero territorio.

“Intensi combattimenti” sono ancora in corso nel nord di Gaza, dove due soldati israeliani sono stati uccisi durante un “combattimento ravvicinato”

Pubblicità

Lunedì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha lanciato un appello all’IDF affinché risparmi ai civili ulteriori sofferenze a i civili, compresi gli operatori sanitari, i giornalisti e il personale delle Nazioni Unite.
Le infrastrutture civili devono essere protetti in ogni istante, afferma Guterres, sottolineando che, nonostante gli ordini di evacuazione, non esiste più posto sicuro in tutta la striscia di Gaza.

Il portavoce dell’IDF Jonathan Conricus ieri ha detto che il sistema di codici QR che ha implementato negli ultimi giorni per designare le aree non sicure di Gaza non è perfetto. Secondo le Nazioni Unite, la scorsa settimana, a Gaza gli sfollati erano 1,8 milioni, ovvero circa l’80% della popolazione.

Ci sono decine di morti e feriti portati via dalle macerie negli ospedali nel sud di Gaza. Un video della Reuters mostrava un bambino portato d’urgenza da un’auto civile all’ospedale Nasser nella città meridionale di Khan Younis. Il bambino di 2 mesi giace su una barella, apparentemente privo di sensi, mentre i medici gli tolgono i vestiti e lo collegano a una fonte di ossigeno.

Leggi anche  Israele, ministro: "Bomba atomica su Gaza? Una possibilità"

A Salah Al-Arja, a Rafah, i residenti sono stati visti mentre cercavano di salvare i loro cari dalle macerie a mani nude. “Dormivamo e eravamo al sicuro, ci hanno detto che era una zona sicura, Rafah e tutto il resto, ma alle dieci e venti l’hanno colpita distruggendo tutto l’isolato, c’erano donnee bambini”, ha detto un palestinese.

Non esiste una zona sicura, né Rafah, né Khan Younis, né Gaza, né Dier. Anche il capo dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi, Philippe Lazzarini, ha messo in guardia contro gli orrori che potrebbero seguire sulla scia dell’espansione dell’operazione militare israeliana, sottolineando che altre 60.000 persone stanno ora cercando rifugio nelle sovraffollate strutture delle Nazioni Unite.

L’ordine di evacuazione spinge le persone a concentrarsi in quello che è meno di un terzo della Striscia di Gaza. Hanno bisogno di tutto; cibo, acqua, riparo e soprattutto sicurezza. Le strade verso sud sono intasate, ha detto lunedì Lazzarini, sottolineando che l’accesso all’acqua è limitato a Gaza.

Sistema sanitario è al collasso. Ciò che rimane del sistema sanitario e delle infrastrutture a Gaza è lungi dall’essere sufficiente a soddisfare i bisogni minimi della popolazione martoriata che entra nel terzo mese di assedio.

Lunedì notte, l’esercito israeliano ha bombardato pesantemente le vicinanze dell’ospedale Kamal Adwan, nel nord di Gaza, causando gravi perdite. Chiunque si muovesse vicino all’ospedale veniva colpito da colpi di arma da fuoco.

Il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, ha accusato l’esercito israeliano di aver preso di mira l’ospedale Kamal Adwan. L’esercito israeliano da parte sua non ha commentato l’episodio.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air