Saman: ergastolo ai genitori, 14 anni allo zio, assolti cugini

Tempo di lettura 2 minuti

Il padre di Saman piange in aula: ‘Era il mio cuore, non l’ho uccisa, non sono un animale’.

I genitori di Saman hanno ucciso la figlia, ma non ne hanno nascosto il cadavere.

Pubblicità

Lo zio è responsabile di entrambi i reati, i due cugini di nessuno. Non c’è stato sequestro di persona, né premeditazione: quello di Saman non è stato un delitto pianificato da tutta la famiglia.

È il quadro un pò ridimensionato, quello che emerge dalla sentenza di oggi della Corte di assise di Reggio Emilia nel processo sull’omicidio della 18enne pachistana di Novellara. Il risultato pratico è che il padre Shabbar Abbas, detenuto dopo l’estradizione e la madre Nazia Shaheen, latitante in patria, sono stati condannati all’ergastolo.

Lo zio, Danish Hasnain, è stato condannato a 14 anni, in virtù della concessione delle attenuanti generiche, della caduta delle aggravanti, e soprattutto come effetto del rito abbreviato, chiesto in udienza preliminare, che comporta la riduzione di un terzo della pena.

I due cugini, Ikram Ijaz e Nomanhulaq Nomanhulaq, in custodia cautelare da maggio 2021 e febbraio 2022, dopo essere stati rintracciati in Spagna e Francia, escono invece dal tribunale reggiano come uomini liberi.

Non ha dunque retto l’impostazione della Procura reggiana di un omicidio pianificato da tutta la famiglia, ma sono state individuate responsabilità specifiche. Bisognerà leggere le motivazioni per cogliere il ragionamento sottostante, il movente individuato, la spiegazione dei ruoli.

In un processo dove è stata giudicata una famiglia intera, con le sue regole e le sue relazioni, le sue abitudini di vita, le responsabilità pare invece, ma bisognerà leggere tutto il dispositivo, che vengano considerate singolarmente, caso per caso.

Leggi anche  Una 24enne cristiana a Miss Universo per il Pakistan. Scoppia il caso

Al centro però il padre che ha ribadito di non aver ucciso e, a dispetto dei reportage dal Pakistan di non essere mai stato violento, arrestato a novembre 2022 nel Punjab e arrivato in Italia a settembre di un anno dopo, con un’estradizione storica concessa dal Pakistan, ha scelto di parlare alla fine e ha dichiarato spontaneamente per un’ora e quaranta minuti. Sempre a braccio, in un italiano imperfetto, ma con una ricostruzione tutto sommato puntuale della propria versione dei fatti, ripercorrendo le ultime fasi della vita della figlia e i giorni successivi. Ha elencato, a più riprese, quelle che sarebbero le cose non vere sul suo conto. Solo per un momento, ha ceduto al pianto: “Mai nella vita mia ho pensato di uccidere mia figlia. Neanche gli animali fanno queste cose. Signori giudici non ho mai pensato queste cose”, ha detto. “Era mio cuore, mio sangue, ho portato qua il mio cuore e il mio sangue. Non ammazzo figli, non sono un animale. Neanche da pensare”, ha ribadito.

“Non è vero che sono persona ricca, non è vero che sono una persona mafiosa. Non è vero che ho ammazzato una persona qua, una in Pakistan. Non è vero che sono andato a casa di Saqib a minacciare. Anche questo è falso, come quelli che dicono ‘ha ammazzato la figlia ed è scappato via'”, ha detto. “Prendete la decisione giusta, io non dico niente”, le sue ultime parole. Ascoltata la sentenza a suo carico, ha lasciato l’aula in silenzio. Commossi, invece, i due cugini, che hanno abbracciato i difensori.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air