Stilista impiccata, ex fidanzato condannato a 6 anni

Tempo di lettura 2 minuti

Per morte come conseguenza di altro reato, e cioè: lesioni e stalking, ma non per intervento diretto.

È stato condannato a sei anni di reclusione per morte come conseguenza di altro reato, lesioni e stalking, Marco Venturi, il 45enne allora fidanzato della stilista Carlotta Benusiglio, trovata impiccata nella notte del 31 Maggio 2016 ad un albero dei giardini di piazza Napoli, a Milano.

Pubblicità

Lo ha deciso con rito abbreviato il Gup Raffaella Mascarino, che ha riqualificato l’accusa di omicidio volontario in morte come conseguenza di altro reato.

“Siamo contenti perché la responsabilità per la morte di mia sorella è stata ricondotta a Marco Venturi, che non è stato condannato a tanti anni, ma volevamo ridare dignità a mia sorella e oggi questa cosa è stata fatta, credevo nella giustizia ed è arrivata”.

Lo ha detto Giorgia Benusiglio, sorella della stilista Carlotta Benusiglio, commentando commossa con a fianco la madre, la sentenza del Gup che ha condannato l’ex fidanzato della vittima a 6 anni per “morte come conseguenza di altro reato”, ossia le condotte di stalking e lesioni ai danni della 37enne, che fu trovata impiccata ad un albero. “Faccio fatica a parlare, credevo nella giustizia e non mi sono sbagliata”, ha aggiunto la sorella, in lacrime così come la mamma, spiegando che la famiglia è soddisfatta della decisione del Gup arrivata dopo più di 6 anni dalla morte di Carlotta e dopo un’inchiesta e un procedimento molto complessi e travagliati.

Leggi anche  Milano, Accoltellato alla gola in auto, la moglie cartomante a processo per omicidio volontario

Il giudice ha anche riconosciuto provvisionali di risarcimento a carico di Venturi da 200mila euro a testa a favore della mamma e della sorella della stilista. Anche i legali di parte civile, gli avvocati Gian Luigi Tizzoni e Pier Paolo Pieragostini, hanno sottolineato che con questo verdetto (motivazioni tra 90 giorni) “è stata accertata la responsabilità di Venturi” per la morte della sua compagna. Bisognerà leggere le motivazioni, ma già dal dispositivo si può capire che il Gup ha stabilito che la morte della donna (ossia il suicidio per impiccagione) fu una conseguenza di “condotte precedenti dolose” da parte del fidanzato, ossia verosimilmente gli episodi di lesioni e stalking. Episodi che, tra l’altro, stando alle imputazioni portate a processo dal Pm Francesca Crupi, il 45enne avrebbe commesso tra il 2014 e il 2016. “Ci furono dunque dei fatti dolosi da parte di Venturi che determinarono la morte”, ha aggiunto l’avvocato Tizzoni. Il giudice ha inflitto una pena di 9 anni, poi ridotta a 6 anni per lo sconto del rito abbreviato.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air