Uccisa e fatta a pezzi la donna scomparsa da Milano

Tempo di lettura < 1 minuto

Milano, 21 ottobre 2023 – È stato fermato nella notte il 46enne Domenico Livrieri, ritenuto gravemente indiziato dell’omicidio di Marta Di Nardo, la 60enne scomparsa da Milano il 4 ottobre scorso. Il cadavere della donna è stato trovato in casa dell’uomo, fatto a pezzi e in avanzato stato di decomposizione.

Livrieri, pluripregiudicato, è un vicino di casa della vittima. I militari del Nucleo Investigativo di Milano e della Compagnia Milano P.ta Monforte, che hanno eseguito il fermo, hanno trovato in casa dell’uomo alcuni effetti personali della donna e tracce della sua presenza all’interno dell’abitazione della Di Nardo in un periodo successivo alla sua scomparsa.

Pubblicità

Il cadavere di Marta Di Nardo era avvolto in una coperta e nascosto in un soppalco all’interno della cucina. L’uomo ha negato ogni responsabilità nella scomparsa della donna, per poi chiuderersi nel silenzio quando i militari hanno trovato prima tracce di sangue nella sua camera da letto e poi il corpo della donna.

Leggi anche  Omicidio Elena Ceste, Cannella a Quarto Grado: "Michele Buoninconti è innocente, e lo dimostreremo".

La scomparsa della donna, di cui si erano perse le tracce da inizio mese, era stata denunciata solo lo scorso 17 ottobre.

Le indagini sono ancora in corso per ricostruire la dinamica dell’omicidio e le motivazioni che hanno spinto l’uomo a compiere il gesto.

I vicini di casa di Livrieri lo descrivono come un uomo aggressivo e violento. In passato, l’uomo è stato coinvolto in diversi episodi di violenza, tra cui una rapina e un’aggressione.

La scomparsa di Marta Di Nardo aveva destato preoccupazione tra i familiari e gli amici della donna. La donna, che viveva da sola, era una persona molto socievole e non aveva mai dato adito a preoccupazioni.

Il ritrovamento del cadavere della donna ha sconvolto l’intera comunità.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air