Ore difficili per Zelenskyj

Tempo di lettura 2 minuti

Zelenskyj ha avuto una settimana davvero terribile. La sua squadra ha sbandierato la vittoria simbolica dei negoziati di adesione all’UE, definendola un segno che la storia è fatta da coloro che non si stancano di lottare per la libertà” Ma affinché l’effettiva adesione all’UE la guerra debba finire, e deve finire con l’Ucraina che rimane una nazione integra. Nessuna di queste cose è attualmente garantita.

Zelenskyj deve invece mostrare coraggio di fronte a due urgenti disastri finanziari in quattro giorni. La decisione dell’Ungheria di porre il veto a 55 miliardi di dollari sui finanziamenti dell’UE per gli sforzi bellici dell’Ucraina è stata accolta con assicurazioni da funzionari dell’UE che all’inizio di gennaio avrebbero probabilmente visto un voto unanime e positivo. Ma Viktor Orban, ha aperto la porta alla discutibile incrementazione debitoria europea. La coesione dell’Occidente fino a quel momento era un’anomalia. Le elezioni in tutta Europa e le incertezze future probabilmente sentiranno maggiori richieste di diplomazia e risposte su come finirà la guerra.
Il viaggio di Zelenskyj a Washington e le accorate suppliche che ha espresso sono falliti. Anche se Washington riuscisse a riprendere i finanziamenti all’inizio del prossimo anno, ciò avrebbe già danneggiato l’Ucraina. Lo stallo e il teatro politico hanno reso l’assistenza vitale per difendere gli alleati europei della NATO degli Stati Uniti dall’essere trascinati sempre più nella peggiore guerra terrestre in Europa dagli anni ’40 –

Pubblicità
Leggi anche  I diplomatici US avvertono Biden

Il dibattito al Congresso non riguardava la politica di guerra in Ucraina, o l’efficienza di Kiev, o il motivo per cui la controffensiva era fallita. Si è trattato di un approccio molto meno superficiale. Si tratta di un clamoroso fallimento della politica estera americana di Biden, le cui conseguenze si ripercuoteranno nei prossimi decenni. La posta in gioco non era mai stata così alta da quando Neville Chamberlain aveva in mano un pezzo di carta in cui suggeriva che si potesse negoziare con i nazisti.

Il desolante quadro militare dell’Ucraina si presentava prima che il Congresso bloccasse gli aiuti statunitensi. Ora la sfida che ci aspetta la possibilità che l’Ucraina possa affrontare la Russia senza il sostegno della NATO.
Senza aiuti, siamo finiti, ha detto un medico ucraino, dopo mesi passati a ricucire le truppe dalle ferite e dopo aver perso un collega in estate. Altre truppe riescono ad essere più stoiche e insistono nel voler continuare a combattere perché non hanno scelta. Ma non abbiate dubbi: l’assenza di fondi da parte degli Stati Uniti o dell’UE o anche solo il fallimento di uno di questi molto probabilmente significa che la maggior parte dell’Ucraina cadrà sotto l’occupazione russa nei prossimi due anni.

Ciò metterebbe l’esercito russo belligerante, super carico e assetato di vendetta proprio ai confini della NATO, qualcosa che diventerebbe immediatamente un problema di Washington.

CONDIVIDI

L’ultimo episodio di Giallo Criminale

    • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
    • Radio Caffè Criminale ON AIR
    • on air