Mistero sulla morte di Matthew Perry

Tempo di lettura 2 minuti

L’autopsia rivela che Matthew Perry è morto per “effetti acuti della ketamina”

L’attore di “Friends” Matthew Perry è morto per “effetti acuti della ketamina” e per annegamento, come mostra un rapporto dell’autopsia.

Pubblicità

Il rapporto, pubblicato venerdì dall’ufficio del medico legale di Los Angeles, mostra che nel sangue di Perry sono stati trovati tracce di ketamina, un farmaco noto per il trattamento della depressione e dell’ansia.

“A causa degli alti livelli di ketamina riscontrati nei suoi campioni di sangue post-mortem, gli effetti letali principali sarebbero stati dovuti sia all’iperstimolazione cardiovascolare che alla depressione respiratoria”, afferma il rapporto. La morte è stata classificata come un incidente.

Perry è stato trovato a faccia in giù nella piscina della sua casa di Malibu il 28 ottobre. Le autorità all’epoca dissero che non era coinvolto alcun atto criminale.

L’attore, 54 anni, è stato trovato “privo di sensi in una vasca idromassaggio”, ha detto all’epoca un portavoce dei vigili del fuoco di Los Angeles.

Secondo il rapporto dell’autopsia, Perry “stava ricevendo una terapia con infusione di ketamina per depressione e ansia”.

Leggi anche  Michael Jackson acquistava medicine con diciannove identità false

Il rapporto spiega inoltre che la ketamina ha usi medici e chirurgici come anestetico ed è anche una droga ricreativa, “principalmente a causa della sua natura dissociativa”, che indica la disconnessione tra mente e corpo. Può anche avere effetti allucinatori e psichedelici di breve durata.

L’ultimo trattamento conosciuto di Perry risale a una settimana e mezza prima della sua morte, afferma l’autopsia, ben oltre il tempo in cui sarebbe rimasto nel suo sistema dopo il trattamento.

Un assistente ha trovato il corpo senza sensi di Perry nella piscina dopo essere tornato a casa dopo aver fatto delle commissioni, mostra il riassunto investigativo del rapporto dell’autopsia.

“L’assistente è saltato in piscina, ha messo il defunto in posizione seduta sui gradini e ha chiamato i servizi di emergenza”, si legge nel rapporto.

L’annegamento è considerato un fattore che ha contribuito alla morte di Perry “a causa della probabilità di immersione in piscina mentre perdeva conoscenza”, afferma l’autopsia.

CONDIVIDI

L’ultimo episodio di Giallo Criminale

    • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
    • Radio Caffè Criminale ON AIR
    • on air