Castellammare di Stabia, infermiera aggredita nel pronto soccorso

Tempo di lettura 2 minuti

Sono 4 al giorno, di media, le violenze, le minacce, quando non veri e propri assalti familiari o di gruppo che accadono in Italia.

Dall’inizio dell’anno, nella sola Napoli ci sono stati tre casi.

Pubblicità

Oggi, a Castellammare di Stabia, nel pronto soccorso dove era giunto un paziente con difficoltà respiratorie, all’invito ai familiari perché aspettassero come tutti in sala di attesa, un’infermiera è stata prima strattonata e poi colpita con un pugno al viso, che le ha frantumato un dente e provocato un’emorragia al naso con una prognosi di tre settimane. Tutto questo solo per aver invitato i parenti di un paziente del pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo a spostarsi nella sala d’attesa, per consentire ai medici di lavorare. Si cerca l’aggressore o gli aggressori che non dovrebbe essere difficile individuare, che l’hanno prima strattonata e spinta poi, una volta fatta cadere addirittura trascinata per i capelli, e infine, colpita con un violentissimo pugno al viso.. La violenta aggressione è avvenuta stanotte all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli.

Una delle infermiere ha postato sui social le foto delle ferite. Ha raccontato di essere stata prima trascinata per i capelli, poi presa a pugni: la donna ha riportato la rottura di un dente e ferite al naso. Questo il referto completo: frattura dell’incisivo superiore destro mediale, l’infrazione delle ossa nasali, una ferita lacero contusa al labbro superiore, suturata con un punto riassorbibile, una vistosa tumefazione al lato destro del volto, una lombalgia post traumatica e un severo stato di agitazione psicomotoria. La prognosi è di 25 giorni salvo complicazioni.

Leggi anche  Caposala sutura cadavere e pubblica le foto nei social

Sulla vicenda indagano gli agenti del commissariato di polizia di Castellammare di Stabia, che stanno identificando il responsabile. È l’ennesima aggressione al personale medico infermieristico.

Sono al momento al vaglio degli inquirenti le immagini del sistema di videosorveglianza per risalire agli autori dell’aggressione. “Siamo stanchi delle violenze – dice il direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud, Giuseppe Russo – chiediamo l’immediata attivazione del drappello di polizia all’interno del presidio. Arrivati a questo punto la militarizzazione degli ospedali è l’unica strada percorribile. Ogni giorno gli operatori sanitari raggiungono il posto di lavoro per curare e non certo per rischiare la vita. Naturalmente, nel percorso giudiziario che seguirà questo atto di violenza, come azienda ci costituiremo parte civile”.

Daniele Vanni

CONDIVIDI

L’ultimo episodio di Giallo Criminale

    • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
    • Radio Caffè Criminale ON AIR
    • on air