La crisi climatica cancella le macchie dalle ali delle farfalle!

Tempo di lettura 2 minuti

Negli anni ’60, anni di boom e miti non solo estivi, ma di un progresso che si vedeva infinito e che i più credevano, come nell’800, ci avrebbe portato epoche di benessere e felicità, s’inneggiava alle vacanze estive, che finalmente potevano godere un sempre più largo numero di persone, al caldo alla tintarella. Persino quella di…Luna!

Solo i più anziani dei nostri lettori, ricorderanno quando si cantava: “Sei rossa spellata, sei come un peperone!” oppure: “Sei diventata nera, nera, nera…come un carbon!”.

Pubblicità

Oggi il “caldo”, davvero per tutti! È arrivato. Anche troppo. Ma per una crisi climatica che ci auguriamo non sia irreversibile, perché altrimenti…

E negli animali si hanno cambiamenti repentini e speriamo non fatali, che prima necessitavano di ere geologiche e comunque di millenni di anni, per potersi attuare.

Invece adesso ci accorgiamo che in pochissimo tempo, per il riscaldamento globale dovuto all’attuale crisi climatica, conseguente dell’inquinamento umano, si stanno cancellando certe macchie dalle ali delle farfalle: infatti quelle che si sviluppano a temperature più elevate, hanno meno macchie, probabilmente per mimetizzarsi meglio nell’erba secca e tendente al marrone che è più comune negli ambienti caldi.

Lo ha scoperto uno studio dell’Università britannica di Exeter pubblicato sulla rivista Ecology and Evolution, che mette in discussione ipotesi di lunga data sui motivi alla base dei cambiamenti nel numero di macchie delle farfalle.

Leggi anche  Per il caldo, crolla un pezzo del ghiacciaio sulla Marmolada

I ricercatori prevedono che le macchie diminuiranno di anno in anno, man mano che il clima continua a riscaldarsi. I ricercatori coordinati da Richard ffrench-Constant hanno studiato in particolare la specie Maniola jurtina, una farfalla diffusa in Europa, Nordafrica e Asia occidentale. Questa specie è caratterizzata da grandi macchie dette ‘ocelli’ sulle ali superiori, che hanno la funzione di spaventare i predatori, e da macchie più piccole sulle ali inferiori, probabilmente utili per mimetizzarsi quando l’insetto è a riposo.

“I nostri risultati mostrano che le macchie più piccole tendono a scomparire quando le femmine sperimentano temperature più elevate durante lo stadio di pupa (la crisalide)”, commenta ffrench-Constant. “Ciò suggerisce che le farfalle adattano il loro mimetismo in base alle condizioni: ad esempio – spiega il ricercatore – con meno macchie potrebbe essere più difficile individuarle sull’erba secca e marrone”. Questo effetto non è stato invece riscontrato negli esemplari maschi, forse perché le loro macchie sono importanti anche per attrarre le partner. “Questa è una conseguenza inaspettata del cambiamento climatico. Tendiamo a pensare che le specie si sposteranno verso Nord per evitarlo – dice ffrench-Constant – non che cambieranno aspetto per adattarvisi”

CONDIVIDI

L’ultimo episodio di Giallo Criminale

    • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
    • Radio Caffè Criminale ON AIR
    • on air