• Dom. Mag 29th, 2022

RADIO CAFFÈ CRIMINALE

"Criminalmente Bella"

Revisione Processuale – Strage di Piazza della Loggia: Tramonte, “Non ero lì, sono innocente”

Tempo di lettura < 1 minuto

di Daniele Vanni

La dichiarazione durante l’udienza per chiedere la revisione del processo

Lo ha detto più volte nel corso del processo che si è concluso con la sua condanna all’ergastolo.

Pubblicità

Maurizio Tramonte, in collegamento dal carcere di Fossombrone dove è detenuto, lo ha ripetuto oggi, nell’udienza nella quale chiede la revisione del processo: “La mattina del 28 Maggio 1974 non ero in piazza della Loggia a Brescia. Sono stato condannato innocentemente per la strage di piazza Loggia, un reato criminale e vigliacco. E io non sono né criminale, né vigliacco”.

Tramonte, oggi 70 anni, ha poi attaccato i due testimoni del processo, Vincenzo Arrigo e Domenico Gherardini, che affermarono, il primo di aver ricevuto da Tramonte una confessione, circa la presenza in piazza della Loggia; il secondo che Tramonte gli riferì di essere stato alla riunione di Abano Terme nella quale fu deciso l’attentato.

“Con loro non ho mai parlato di Piazza della Loggia – ha dichiarato Tramonte -. Sono due persone ignoranti e invidiose. Non è colpa loro, è la loro natura. Hanno voluto costruire su di me un personaggio che non esiste. Anzi che esiste solo nelle loro teste”. 

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air