Minacciava di avvelenare acqua e cibo nei supermercati

Tempo di lettura < 1 minuto

Voleva avvelenare acque minerali e prodotti alimentari da banco nei supermercati, con iniezioni di cianuro, solfato di tallio e altri potenti veleni, se non avesse ottenuto il pagamento di un riscatto che voleva avvenisse solo in criptovalute. Per convincere le sue vittime a pagare, era arrivando al punto di pubblicare alcuni video dimostrativi usando email false da provider esteri.

L’uomo arrestato è un cittadino italiano di 47 anni, residente in provincia di Trieste, è stato colpito da una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma.

Pubblicità

I ricatti si riferiscono tutti al periodo che va dall’agosto 2021 al maggio 2022 e tutte ai danni di aziende alimentari della grande distribuzione.

L’estorsore per mettere in atto il suo disegno criminoso usava email con sistemi di anonimizzazione; il presunto estorsore a qual punto richiedeva il pagamento di ingenti somme di denaro in criptovaluta, minacciando di avvelenare con delle siringhe con cianuro, solfato di tallio, topicida gli alimenti da banco; la minaccia prevedeva anche la successiva divulgazione dell’avvenuto avvelenamento dei prodotti , attraverso gli organi di stampa.

Leggi anche  Trova un tesoro in un armadio chiuso da trent'anni

La Polizia postale di Roma, durante una perquisizione, ha rinvenuto in possesso dell’indagato vari file-video che mostrano presunti avvelenamenti dei prodotti e il loro successivo riconfezionamento. La polizia ha tenuto a far sapere che non risulta che si sia mai verificato l’avvelenamento di prodotti alimentari e di acque, soprattutto grazie alle loro tempestive indagini.

Risulta che tale metodo estorsivo abbia già interessato oltre 200 aziende italiane ed estere sia in Germania, Francia, Spagna, Austria e Svizzera.

CONDIVIDI

L’ultimo episodio di Giallo Criminale

    • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
    • Radio Caffè Criminale ON AIR
    • on air