Mafia: 18 fermi Clan Palermo-Porta Nuova

Tempo di lettura < 1 minuto

I Carabinieri del Comando provinciale di Palermo hanno fermato 18 persone accusate a vario titolo di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di droga, estorsioni e rapine aggravate dal metodo mafioso. L’operazione, è scattata in seguito a un provvedimento della Dda del capoluogo siciliano, mandamento mafioso di Palermo-Porta Nuova. Le indagini del nucleo investigativo dei carabinieri hanno delineato l’organigramma del mandamento e individuato il reggente del clan: si tratta di Giuseppe Incontera, ucciso giovedì scorso da un killer che, ieri, si è costituito ai carabinieri. Tra i fermati ci sono il figlio di Incontrera, Salvatore, e il consuocero del boss, Giuseppe Di Giovanni.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto della Dda Paolo Guido, ha fatto luce anche sui gregari delle famiglie mafiose di Porta Nuova e Palermo Centro che fanno parte dello storico mandamento di Porta Nuova e ha ricostruito le attività del gruppo, che trafficava in hashish, marijuana, cocaina, eroina e crack. Sono stati fermati i capi di sei importanti piazze di spaccio in alcuni storici quartieri del centro (il Capo, la Vucciria, Ballarò e la Zisa). Sono stati ricostruite inoltre due estorsioni e cinque tentativi di estorsione a imprenditori e commercianti del centro.

Pubblicità
Leggi anche  Il fenomeno della criminalità organizzata - iscriviti al webinar
CONDIVIDI

L’ultimo episodio di Giallo Criminale

    • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
    • Radio Caffè Criminale ON AIR
    • on air