Mafia: 18 fermi Clan Palermo-Porta Nuova

Tempo di lettura < 1 minuto

I Carabinieri del Comando provinciale di Palermo hanno fermato 18 persone accusate a vario titolo di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di droga, estorsioni e rapine aggravate dal metodo mafioso. L’operazione, è scattata in seguito a un provvedimento della Dda del capoluogo siciliano, mandamento mafioso di Palermo-Porta Nuova. Le indagini del nucleo investigativo dei carabinieri hanno delineato l’organigramma del mandamento e individuato il reggente del clan: si tratta di Giuseppe Incontera, ucciso giovedì scorso da un killer che, ieri, si è costituito ai carabinieri. Tra i fermati ci sono il figlio di Incontrera, Salvatore, e il consuocero del boss, Giuseppe Di Giovanni.

Leggi anche  Mafia a Palermo: altri 9 arresti nel mandamento Noce, nella rete il capofamiglia di Altarello

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto della Dda Paolo Guido, ha fatto luce anche sui gregari delle famiglie mafiose di Porta Nuova e Palermo Centro che fanno parte dello storico mandamento di Porta Nuova e ha ricostruito le attività del gruppo, che trafficava in hashish, marijuana, cocaina, eroina e crack. Sono stati fermati i capi di sei importanti piazze di spaccio in alcuni storici quartieri del centro (il Capo, la Vucciria, Ballarò e la Zisa). Sono stati ricostruite inoltre due estorsioni e cinque tentativi di estorsione a imprenditori e commercianti del centro.

Pubblicità
CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air