Napoli, Poliziotta stordita con un sasso e violentata da un bengalese

Tempo di lettura 2 minuti

Credo, andando a memoria di cronista di nera, che sia la prima volta che viene aggredita e violentata una poliziotta! Non si sa ancora se fosse in divisa o meno, ma certo era al parcheggio dei mezzi di polizia e questo dà il quadro che stiamo vivendo in Italia.

L’agente aveva finito il turno 19-24 in Commissariato e si stava avviando verso il porto, dove aveva parcheggiato l’auto nei posti riservati alle forze dell’ordine, quando è stata aggredita.

Pubblicità

Colpita alla testa con un grosso sasso, per stordirla e quindi per compiere la più turpe delle violenze.

È accaduto nei pressi del parcheggio interno al varco Pisacane del porto. La donna sarebbe stata seguita all’uscita dal turno di servizio in Commissariato mentre andava a prendere l’auto, e quindi la violenza non è stato un gesto d’impeto, ma forse studiatao attentamente in anticipo.

L’autore delle violenze è un 23enne di origine bengalese. Per di più irregolare sul territorio italiano, che avrebbe anche cercato di strangolarla per abusare di lei. L’uomo è stato arrestato dagli agenti dell’ufficio prevenzione generale della questura di Napoli per tentato omicidio e violenza sessuale.

Leggi anche  Violenza al pronto soccorso del Cto di Napoli: un uomo aggredisce personale sanitario

Dopo gli abusi, la donna è stata ricoverata all’ospedale Cardarelli di Napoli in tato di choc e stamattina dimessa.

Secondo quanto emerso dalla testimonianza della vittima e dagli immediati accertamenti della Polizia, l’agente che aveva finito il suo turno, in un Commissariato della Polizia di Stato della città, si stava avviando verso il porto, dove aveva parcheggiato l’auto nei posti riservati alle forze dell’ordine, quando ha notato che qualcuno la seguiva.

L’agente, che aveva con sé anche l’arma di ordinanza, però non ha fatto in tempo a difendersi perché l’aggressore è stato più veloce nel colpirla con una pietra.

Dopo l’allarme lanciato ai colleghi dalla donna, numerose volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura si sono attivate, una delle quali – grazie all’identikit – ha rintracciato e bloccato l’aggressore in via Duomo.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air