Avvocato genovese arrestato per peculato e falso ideologico

Tempo di lettura 2 minuti

Genova, 4 dicembre 2023 – L’avvocato Matteo Minna, amministratore di sostegno di diversi cittadini, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza con l’accusa di peculato aggravato e falso ideologico.

L’uomo, secondo quanto ricostruito dalle indagini delle Fiamme gialle, si sarebbe appropriato indebitamente di 817 mila euro complessivi riconducibili a quattro suoi assistiti. Per mesi avrebbe redatto relazioni mendaci sull’andamento delle stesse amministrazioni, ingannando così anche il giudice tutelare di Genova che doveva vigilare sugli incarichi.

Pubblicità

Le indagini sono partite da alcune segnalazioni dell’ufficio del giudice tutelare che indicavano una serie di irregolarità nella gestione dei patrimoni degli amministrati. L’avvocato, secondo l’accusa, avrebbe prelevato continuamente contanti e disposto bonifici a favore dei propri conti personali. I movimenti di denaro, spesso non rendicontati al giudice tutelare, sarebbero stati giustificati come pagamenti di fatture false per compensi per assistenza legale o per altre prestazioni professionali di cui non è stata rinvenuta alcuna traccia.

In particolare, in relazione a una pratica di amministrazione di sostegno, per la quale il giudice tutelare di Genova aveva nominato un consulente tecnico incaricato di esaminare la gestione patrimoniale da lui condotta e la regolarità dei relativi rendiconti, Minna avrebbe presentato al perito fatture false – in alcuni casi riproducenti numeri e date relative ad altre fatture emesse nei confronti di altri clienti, in altri casi accertate essere duplicazioni di fatture precedentemente emesse nei confronti dello stesso assistito – quale giustificazione dei trasferimenti di denaro indebitamente effettuati dal conto intestato all’amministrato a favore del proprio conto personale.

Leggi anche  Truffa fondi Covid e favori al clan

Nei confronti del professionista è stato eseguito anche un sequestro preventivo di disponibilità finanziarie, beni immobili e altri beni per un importo di 817.326,18 euro, pari alla somma complessiva di cui l’indagato è accusato di essersi indebitamente appropriato in danno dei propri amministrati.

Nell’ordinanza cautelare, il gip ha ricordato che l’avvocato Minna avrebbe preso all’attore Paolo Calissano oltre 500 mila euro in poco meno di 10 anni. Minna – è scritto nel provvedimento restrittivo – “è un soggetto che agisce in modo spregiudicato poichè individua le vittime fra gli strati più fragili della società e cioè in persone che, per patologie o per vicende di vita, non sono più in grado di provvedere in modo autonomo a loro stesse”.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air