Suicida nella Senna, l’attrice che accusò per prima l’attore Depardieu di violenza

Tempo di lettura < 1 minuto

Così si sarebbe tolta la vita l’attrice Debever, che accusò di violenze Gerard Depardieu

L’attrice francese Emmanuelle Debever, la prima ad accusare di violenze sessuali Depardieu, è morta lo scorso 7 Dicembre.

Pubblicità

Aveva 60 anni e si sarebbe suicidata annegandosi nella Senna. In carriera aveva più volte recitato con Depardieu, sul quale si moltiplicano in questi giorni le accuse di violenze e molestie sessuali.

La notizia della morte della Debever è stata diffusa oggi sull’account dell’Istituto Nazionale dell’Audiovisivo.

Il decesso è avvenuto nel giorno stesso in cui è stato trasmesso il programma tv “Complément d’enquête: La chute de l’ogre” su Gérard Depardieu e tutte le accuse di stupro e violenza sessuale nei suoi confronti. Le modalità del suicidio – cioè che l’attrice si sarebbe buttata nella Senna – sono state invece diffuse da una giornalista di Libération.

Leggi anche  Prato, sparatoria in una sala biliardo di Mezzana

Anche se i giorni della popolarità erano ormai lontani e pochi si ricordavano di lei, Emmanuelle Debever raggiunse la notorietà nel 1982 per un ruolo nella serie tv “Joëlle Mazart”. Poi fu notata per un ruolo in un’altra serie, “Médecins de nuit” e nei film “Quidam” di Gérard Max e “Un jeu brutal” di Jean-Claude Brisseau.

Depardieu lo aveva incrociato sul set del film “Danton” di Andrzej Wajda. “Io interpretavo Louison, la giovanissima moglie di Danton – scriveva lei stessa in un post su Facebook del 5 Giugno 2019 – il mostro sacro si era permesso delle cose durante quelle riprese, approfittando dell’intimità di una carrozza. Infilando la sua manona sotto la mia gonna, per – così diceva lui – sentirmi meglio, visto che io lo respingevo”.

Daniele Vanni

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air