Arezzo, Adolescenti fatti spogliare in Corso Italia e rapinati

Tempo di lettura 2 minuti

La versione di alcuni ragazzini, riportata da media locali, è al vaglio delle forze dell’ordine. L’episodio si sarebbe consumato sabato sera.

Ci sarebbe stata una rapina ad opera di una baby gang nel corso del fine settimana in pieno centro storico di Arezzo.

Pubblicità

Un gruppetto di ragazzi, forse composto da tre persone, si sarebbe avvicinato ad alcuni adolescenti in Corso Italia, non lontano dall’intersezione con via Roma: erano le 22 di sabato scorso, 20 Gennaio, quando sarebbero iniziate le violente minacce che avrebbero portato alla rapina.

Lo scrive Arezzo24, che ha riportato la versione delle giovani vittime, comprese tra i 14 e i 15 anni. Secondo il racconto, i giovani delinquenti avrebbero fatto spogliare i ragazzini, sottraendo loro un paio di scarpe, una felpa e un giaccone.

Un episodio simile si sarebbe inoltre consumato nel corso della stessa serata anche sotto i Portici di via Roma.

Dalla questura aretina fanno sapere che non ci sono stati interventi per rapina nel corso della serata ad Arezzo, ma la Polizia di Stato si starebbe in queste ore attivando per convocare gli adolescenti e farsi riferire le circostanze dell’episodio per avviare un’indagine.

Leggi anche  Olbia, ritrovati i due ragazzini di 15 e 17 anni scomparsi da giorni sospettati di rapina

Purtroppo Arezzo, – e non solo Arezzo! – non è nuova a casi di violenza tra giovanissimi. Un episodio del tutto simile, con un minore privato delle scarpe, (che una volta servivano per camminare, andare a scuola o a lavorare, ed ora rappresentano uno status symbol, avvenuto in estate nella città estrusca.

Ma c’è arresto proprio legato a crimini del genere, che è avvenuto qui, pochi giorni fa, nei pressi dei giardini del Porcinai. Un minorenne ha infatti rapinato con il coltello un coetaneo. Poco più di un mese fa, invece, c’era stata una maxi operazione anti baby gang della questura, con l’arresto di tre ragazzi e il sequestro di un chilo di cocaina. In quella circostanza uno dei giovani in manette aveva rapinato un ragazzo colpendolo con il cellulare.

Sembra assai per la città dove Benigni ambientò il film: “la vita è bella”.

Daniele Vanni

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air