Wall Street: Netto calo in attesa della risposta di Israele

Tempo di lettura 2 minuti

Le azioni americane crollano mentre gli investitori attendono la risposta di Israele all’attacco dell’Iran

Le azioni statunitensi sono state scosse dai dati economici relativi dalle preoccupazioni per un’escalation delle tensioni in Medio Oriente, con il Dow che lunedì ha oscillato sopra i 600 punti.

Pubblicità

Il Dow Jones è sceso pericolosamente di 248 punti, ovvero dello 0,7%, rinunciando ai guadagni precedenti. Anche l’S&P è sceso di 500. il Nasdaq Composite ha perso l’1,8%.
Una situazione certamente non favorevole ai mercati che risentono del clima di guerra.

Lunedì i prezzi del petrolio si sono raffreddati, nonostante l’Iran abbia lanciato un attacco senza precedenti contro Israele durante il fine settimana. Lunedì il prezzo del greggio Brent è sceso attestandosi a 90,10 dollari al barile, mentre il greggio WTI statunitense è sceso attestandosi a 85,41 dollari. I commercianti aspettano di vedere cosa farà Israele dopola rappresaglia iraniana.

Altrove, i rendimenti dei titoli del Tesoro sono aumentati dopo che i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti hanno mostrato che la spesa è aumentata a marzo per il secondo mese consecutivo, sottolineando la resilienza dei consumatori statunitensi nonostante i tassi di interesse siano rimasti ai massimi di 23 anni. Nelle ultime settimane gli investitori hanno temuto che l’inflazione rimanesse troppo vischiosa e l’economia troppo forte perché la Federal Reserve potesse tagliare i tassi di interesse in tempi brevi.

L’indice di riferimento europeo Stoxx 600 è salito dello 0,1%, mentre il DAX tedesco e il CAC 40 francese hanno guadagnato rispettivamente lo 0,5% e lo 0,4%. Il FTSE 100 di Londra è sceso dello 0,4%.
L’indice Hang Seng di Hong Kong ha chiuso in ribasso dello 0,7%. Il Nikkei 225 giapponese ha chiuso in ribasso dello 0,7%, mentre l’indice cinese Shanghai Composite ha chiuso in rialzo dell’1,3%.
Lunedì i futures dell’oro sono saliti per attestarsi a circa 2.383 dollari l’oncia troy. Sono aumentati del 16% quest’anno.

Leggi anche  Xi e Putin si incontreranno a Pechino mentre Cina e Russia inaspriscono le critiche a Israele

L’Agenzia internazionale per l’energia con sede a Parigi, che monitora i mercati petroliferi per conto delle economie sviluppate, ha affermato lunedì che gli attacchi aerei iraniani del fine settimana contro le strutture militari israeliane hanno aumentato il rischio di una maggiore volatilità nei mercati petroliferi e hanno fornito un nuovo promemoria dell’importanza della sicurezza petrolifera. .
Gli analisti dell’ANZ hanno affermato in un rapporto di ricerca che l’attacco susciterebbe preoccupazioni su una possibile interruzione della fornitura globale di petrolio.
“L’entità di tale rischio sarà probabilmente determinata dalla reazione del governo israeliano”.

Il Medio Oriente è precipitato in acque inesplorate dopo che sabato scorso l’Iran ha lanciato decine di missili verso Israele.
Prima dell’attacco dell’Iran, le azioni statunitensi avevano chiuso venerdì in netto ribasso , poiché Wall Street temeva l’escalation della tensione in Medio Oriente. Ma lunedì i titoli azionari statunitensi hanno iniziato lunedì con cautela dopo che il presidente americano Joe Biden e il suo team di sicurezza nazionale, cercando di contenere il rischio di una guerra regionale più ampia, hanno detto alle loro controparti che gli Stati Uniti non parteciperanno ad alcun contrattacco contro l’Iran.

L.B.

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air