Rybolovlev perde la causa per frode artistica contro Sotheby’s

Tempo di lettura < 1 minuto

Una giuria federale di Manhattan ha stabilito martedì che Sotheby’s non ha frodato l’oligarca russo Dmitry Rybolovlev nelle vendite di arte, tra cui il “Salvator Mundi” di Leonardo da Vinci.

Rybolovlev ha accusato Sotheby’s di aver cospirato con il mercante d’arte svizzero Yves Bouvier per indurlo a pagare prezzi gonfiati per quattro opere, tra cui il “Salvator Mundi”. Sotheby’s ha sempre negato le accuse.

Pubblicità

I giurati hanno deliberato per meno di un giorno e hanno stabilito che Sotheby’s non ha violato alcuna legge o regolamento.

“Siamo soddisfatti di questo verdetto”, ha dichiarato Sotheby’s in una dichiarazione. “Confidiamo che questo caso rafforzi la nostra reputazione di azienda che si impegna a sostenere i più alti standard di integrità, etica e professionalità”.

Leggi anche  Asta record a New York

Rybolovlev ha dichiarato che è “deluso” dal verdetto, ma che continuerà a combattere per la giustizia.

“Il caso contro Sotheby’s ha raggiunto il nostro obiettivo di far luce sulla mancanza di trasparenza che affligge il mercato dell’arte”, ha affermato il suo avvocato, Daniel Kornstein. “Quella segretezza ha reso difficile dimostrare un caso complesso di favoreggiamento e frode”.

La causa contro Sotheby’s è stata una delle più importanti controversie per frode artistica degli ultimi anni. Ha offerto una visione di un settore spesso riservato in cui i ricchi acquirenti a volte non sanno da chi stanno acquistando.

CONDIVIDI

Scopri di più su podcast Art & Crimes

 

  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air