Stato-mafia: “Il Ros non volle catturare Provenzano”

Tempo di lettura < 1 minuto

E una cosa gravissima quella affermata dalla sentenza: “La leadership del boss poteva evitare pulsioni stragiste”: cioè lo lasciarono stare perché poteva essere utile! Una cosa fuori dal mondo, che mai e poi mai si è sentita! Che è al di fuori della politica, della Costituzione, delle regole di uno stato democratico:

chi semmai e con l’avvallo di chi poteva prendere una decisione tale?

Pubblicità

“Esclusa qualsiasi ipotesi di collusione con i mafiosi, se Mori e Subranni potevano avere interesse a preservare la libertà di Provenzano, ciò ben poteva essere motivato dal convincimento che la leadership di Provenzano, meglio di qualsiasi ipotetico e improbabile patto, avrebbe di fatto garantito contro il rischio del prevalere di pulsioni stragiste o di un ritorno alla linea dura di contrapposizione violenta allo Stato”.

Sono dichiarazioni e affermazioni che non ci sentiamo di commentare e che al solo riportarle, ci si gela il sangue!

Leggi anche  Palermo, torna in carcere il "dottore" di Cosa Nostra, Giuseppe Guttadauro

Eppure, le scrive la Corte d’Assise d’Appello nella sentenza sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia sostenendo che i carabinieri avrebbero voluto “favorire la latitanza di Provenzano in modo soft”.

“V’erano dunque indicibili ragioni di ‘interesse nazionale’ a non sconvolgere gli equilibri di potere interni a Cosa Nostra che sancivano l’egemonia di Provenzano e della sua strategia dell’invisibilità o della sommersione – spiegano -, almeno fino a che fosse stata questa la linea imposta a tutta l’organizzazione.

Un superiore interesse spingeva ad essere alleati del proprio nemico per contrastare un nemico ancora più pericoloso”.

Altro che accordo stato-mafia, altro che servizi deviati…qui si va molto al di là…

CONDIVIDI
  • https://securestreams3.autopo.st:1369/stream
  • Radio Caffè Criminale ON AIR
  • on air